Perché integrale è meglio - Stefano Polato - Cucina Verticale

Perché integrale è meglio

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp

Da sempre promuovo l’uso dei cereali integrali in modo sistematico e convinto, suggerendo di sostituire le versioni raffinate di pasta, pane, riso e farine con il loro corrispondente integrale.

Di sicuro più di qualcuno si è chiesto il perché di questa mia convinzione.

Che cos’hanno in più i cereali integrali e perché la parte cruscale è così importante?

In questo breve estratto del mio corso on-line Cibo Vivo in Cucina (che ho diviso anche in moduli, cioè “lezioni” dedicate ad un singolo macro-argomento), condivido alcune fondamentali informazioni che sono contenute nelle Linee Guida del C.R.E.A. per capire perché dal punto di vista scientifico la versione integrale dei cereali sia da preferire.

Come molti studi scientifici sottolineano infatti, il processo di decorticazione e macinazione cui sono sottoposti i chicchi ha un impatto negativo sui valori nutrizionali portando alla perdita di micronutrienti come vitamine e sali minerali, ma anche acidi fenolici, tannini, flavonoidi, carotenoidi….

Queste sostanze sono infatti principalmente negli strati esterni – la crusca – e il germe!

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti e impara dai migliori

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da esplorare

Inizia a scegliere solo gli alimenti migliori quando fai la spesa

Scopri i 5 errori che stai commettendo in cucina

Stefano Polato